Progetto

Garzanti Linguistica, uno dei soggetti principali del panorama linguistico italiano, ha deciso di promuovere le sue nuove applicazioni dedicate all’apprendimento delle lingue, Tap’n'Spell, attraverso un bando. Sono state definite due categorie di video legate all’età degli utilizzatori finali degli applicativi.

Abbiamo prodotto due spot, uno per la fascia 3-10 anni e uno per i ragazzi e gli adulti. Il tema che abbiamo sviluppato è stata una specie di “telefono senza fili” internazionale, sviluppando alcuni concetti che Garzanti aveva richiesto nel briefing, ed in particolare le traduzioni multilingua, l’ascolto della pronuncia, la condivisione sulle reti sociali. Abbiamo vinto entrambe le categorie, proponiamo di seguito le ragioni della scelta nelle parole di Garzanti:

“Entrambi ci hanno conquistato per la professionalità della realizzazione che li rende adatti al canale televisivo eventualmente,  per la capacità di declinare uno stesso contenuto per due audience differenti in linea con lo spirito della famiglia di app Tap’N’Spell sviluppate da Garzanti linguistica, perché sono in grado di mostrare e comunicare sia le funzionalità e l’utilità delle app, sia i loro aspetti più divertenti (il dizionario come mezzo d’intrattenimento) e social (imparare le lingue soprattutto come forma di condivisione).”

Il progetto ha coinvolto un giorno di riprese e due di montaggio e postproduzione per al creazione di entrambi i prodotti.

Le magliette dei bambini sono state stampate presso Videeco Design

Collaboratori
  • bambini: si ringraziano Beatrice, Sofia, Edoardo, Stella, Samuele e i loro genitori per la grande disponibilità
  • adulti: Luca Murta Gaspar Cardoso, Elena Crivellaro, Davide Raucci, Valeria Bergadano, Michelangelo Faccin
  • voce fuori campo: Luisa Drogo
Collegamenti
Cliente

Garzanti Linguistica

Cosa abbiamo fatto
  • progetto creativo
  • videoclip: regia, riprese, montaggio, postproduzione, vfx, registrazione e postproduzione voce fuori campo

Tap’n'Spell: il futuro non ha frontiere


Tap’n'Spell: imparare giocando



Condividi su facebookCondividi su      tw:tter